Gli esercizi di stile di Scrivo.me

Gli esercizi di stile di Scrivo.me

La traccia originale

Psicologico

Il ragazzo si fermò all’improvviso davanti alla porta d’ingresso della biblioteca. Rimase immobile, un’espressione tesa sul volto.
Cinque o sei persone stavano consultando proprio i libri dello scaffale più vicino all’entrata. La fobia sociale in lui iniziò a ruggire. Mi noteranno di sicuro, si disse, giudicheranno il mio modo di camminare strano – quando sono agitato mi capita, a volte, anche di inciampare – e si chiederanno chi è quello lì, se è normale…
Non riusciva a muoversi. Sentendo i battiti cardiaci accelerare vertiginosamente, si preparò all’eventualità che più temeva: un attacco di panico. L’ultimo che gli era capitato l’aveva perfino fatto cadere steso in terra.
Poi quelle persone trovarono, quasi contemporaneamente, i libri che cercavano e si dispersero nella biblioteca, chi da una parte, chi dall’altra. Con un sospiro profondo di sollievo, il ragazzo entrò.
Al banco dei prestiti, dietro il vetro, sedeva una nuova impiegata che lui non aveva mai visto. La novità lo turbò, anche perché la donna aveva un look un po’ vistoso, che lo intimoriva. I capelli sembravano ricaderle ondulati tutti da un lato, mentre dall’altro erano cortissimi. Erano scuri, ma solcati da una meche bionda. Leggeva una rivista e non si era accorta del suo ingresso.
Esitante e decisamente agitato – sembrerò scortese, si disse – il ragazzo picchiò delicatamente una nocca sul vetro. Del resto, aveva fretta. La donna, però, non alzò gli occhi.
Lo sta facendo apposta? Si chiese lui. Non mi considera perché in realtà mi ha visto e le sono sembrato strano, inquietante? Lo so che sono entrato facendo un passo goffo, che ho lanciato un’occhiata stralunata in giro per vedere chi c’era; forse ho ceduto anche al solito tic di sbattere la palpebra sinistra due volte…no, non posso scivolare nella paranoia. Il dottor Conti, il mio psicoterapeuta, dice che tendo un po’ all’ideazione paranoide quando sono stressato.
Si schiarì la voce, pronto a chiamare l’impiegata.

Parole chiave: #, #

Rubrica: Esercizi di stile, Top post

  • Scritto da:

  • Ugo Cirilli
  • Ugo Cirilli è nato in Versilia nel 1985. Laureato in Psicologia Cognitiva, si occupa di comunicazione online e collabora con la webzine BestVersilia, dedicata ai temi del benessere, della cultura e delle passioni. Appassionato di letteratura e musica, dopo aver appurato che non sarebbe diventato una rockstar, ha preferito appendere la chitarra al chiodo e dedicarsi testardamente all’arte di scrivere.


Commenta su Facebook

commenti

Email
Print