Joe Konrath: “Non scrivete stronzate!”

Joe Konrath: “Non scrivete stronzate!”

Se vi interessa il self-publishing e non conoscete Joe Konrath avete una grossa lacuna da colmare presto, perché questo signore è uno degli autori autopubblicati di maggiore successo al mondo: più di 3 milioni di copie vendute, 24 romanzi e più di cento racconti messi a disposizione in 20 nazioni – i numeri parlano per lui. E se non bastasse, siamo davanti al primo (se non al più famoso) self-publishing evangelist dei nostri tempi: il suo blog si chiama A Newbie’s Guide to Publishing ed è una vera e propria miniera di spunti, consigli e riflessioni sull’autopubblicazione.

Proprio di recente Konrath ha scritto un post contenente una lunga lista di suggerimenti e l’ha semplicemente intitolata “Ecco quello che so – una sorta di compendio buttato giù di getto, disorganizzato, non sistematico, eppure denso di stimoli, di formule evocative e consigli pratici. Qui in redazione abbiamo provato a tradurlo e ne abbiamo discusso: non siamo d’accordo proprio su tutto quello che dice Konrath, però ci siamo detti che vale la pena discuterne. E allora abbiamo selezionato quegli spunti che riteniamo migliori. Insomma, abbiamo selezionato, editato, e di tutto quanto dice Konrath, una frase ci sembra riassumere con inusitata efficacia lo scopo ultimo di chiunque si avvicini alla scrittura:

Non scrivete stronzate!

  • Siate consapevoli.
  • Siate misurati.
  • Non siate stupidi.
  • Pubblicare è un business. Scrivere è un’arte. Può anche non piacervi il business, ma di certo deve piacervi l’arte.
  • È una maratona, non uno sprint.
  • Leggete il contratto prima di firmarlo. Due volte. Meglio tre. Poi fatelo leggere anche all’avvocato.
  • Nessuno vi deve niente.
  • Per raggiungere il successo ci vuole talento e duro lavoro, ma un po’ di fortuna serve sempre. Il talento e il duro lavoro aiutano la fortuna.
  • Gli ebook durano per sempre. Per sempre è un periodo molto lungo per riuscire a farsi notare.
  • C’è una parola per definire gli scrittori che non si arrendono mai: “pubblicati”.
  • Il rifiuto è un potente oppiaceo.
  • Siate gentili e generosi, rendetevi utili e state attenti.
  • Prima di far qualsiasi cosa, studiate.
  • Conta quello che abbiamo da offrire, non quello che dobbiamo vendere.
  • Un atteggiamento di superiorità non è ammissibile. Nessuno si merita niente. 
  • Quali sono gli ultimi dieci libri che avete comprato? E perché li avete comprati? Usate quelle stesse tecniche per vendere i vostri libri. Fate le stesse cose che hanno funzionato per voi.
  • Il duro lavoro batte il talento. La costanza batte l’ispirazione. L’umiltà batte l’ego.
  • I complimenti sono come le caramelle: ci piacciono, ma non ci fanno bene. Si può migliorare solo se ci viene detto che cosa abbiamo sbagliato.
  • Il vostro libro è come un figlio: non potete riconoscerne i difetti, non meno di quanto un genitore orgoglioso possa considerare brutto e stupido il proprio figlio.
  • Se qualcuno cerca proprio voi, sicuramente vi trova. Fate in modo che vi trovino quando stanno cercando qualcos’altro.
  • Meno aspettative e più lavoro.
  • La gente è alla ricerca di due cose: informazione e intrattenimento. Offritegliele gratis e verranno da voi.
  • Se la scrittura è la vostra professione, comportatevi professionalmente.
  • Nessuno ha mai detto che sarebbe stato giusto, facile o divertente. Ma può valerne la pena.
  • Ci sono un sacco di cose che succedono e non potete controllare. I vostri obiettivi dovrebbero essere tra quelle che potete controllare.
  • Forse non ce la farete, ma di certo potete provarci.
  • Prendere consapevolezza di non essere originali è il primo passo per diventare unici.
  • Smettete di pensare al se. Cominciate a pensare al come.
  • Più fallite, più siete vicini al successo. Se non avete successo significa che non avete fallito abbastanza.

Parole chiave: #, #

Rubrica: L'Edicola

Commenta su Facebook

commenti

Email
Print