Un manuale di stile on line (con il dono della sintesi)

Un manuale di stile on line (con il dono della sintesi) Illustrazione: Studio Armad'illo / Bertrand Nadal

Che bella idea hanno avuto questi di Internazionale. Non mi riferisco soltanto all’ottima e assai conosciuta rivista che oramai da anni traduce in italiano i migliori articoli della stampa straniera. Oltre a far questo bel lavoro, adesso i giornalisti si sono inventati altre cosine interessanti realizzate su Internet. Fra queste, la pubblicazione di un manuale di stile a puntate, pubblicato su Twitter. Le regole vengono dettate nella sintesi estrema delle 140 battute, che però in questo caso bastano e anzi talvolta avanzano. Così Internazionale (non L’Internazionale, mi raccomando) prova a regalarci una guida utile a chiunque voglia, o debba, dedicarsi al bel mestiere della scrittura.

 

Twitter è un mezzo non certo tradizionale per pubblicare e consultare un manuale, però l’esperimento appena iniziato sembra interessante. E poi consente un dialogo diretto col lettore, cosa che i manuali di carta non possono permettersi.

 

Qui sotto ho raccolto alcuni esempi, selezionati dal vostro umile servitore:

Meglio non mischiare le metafore: un’ombra incombe sul governo, non grava.

 

Abbasso il prefisso neo-. Una mamma, non una neomamma. Il presidente, non il neopresidente.

 

Si scrive il 1 marzo, si legge il primo marzo.

 

Telefono, non telefonino. Soprattutto se si tratta di uno smartphone.

 

L’ellisse è una figura geometrica. L’ellissi è una figura retorica.

 

Tra le popolazioni della Crimea ci sono i tatari, non i tartari.

 

Scriviamo tè, non thè.

 

Per noi sono voci di corridoio. Per gli americani rumors, per gli inglesi rumours. In questi casi li metteremmo in corsivo. 

 

Verrebbe da chiedersi, non da chiederci.

 

Leggo Internazionale, non l’Internazionale.

 

Per ora basta, il resto andate a cercarlo su Twitter, mentre mi ritiro col terrore di aver commesso parecchi errori solo in queste poche righe e di esser bacchettato dagli autori del manuale.

Parole chiave: #, #

Rubrica: L'Edicola, Top post

  • Scritto da:

  • Confuso
  • Pare che dietro il nickname di Confuso si celi un tizio che ha scoperto il web nel 1995 e inaugurato il suo blog personale PersonalitaConfusa nel 2002. Costui peraltro scrive la propria autobiografia su Twitter dal 2007. Come se non bastasse, da 15 anni si ostina con fortune alterne a lavorare nell'editoria digitale. Coabita con una donna molto più bella di lui e con un duo di bambini ferocissimi.


Commenta su Facebook

commenti

Email
Print