Matt Eich, lo stagista che si dà al self-publishing con successo

Matt Eich, lo stagista che si dà al self-publishing con successo Illustrazione: Marco Piunti

Carry me Ohio di Matt Eich è un libro autopubblicato nel 2010 che ha ottenuto diversi premi fotografici, oltre che e un buon successo di vendite.

Eich ha 26 anni, vive a Norfolk in Virginia, negli Stati Uniti, e si sta affermando come un fotografo tra i più creativi della sua generazione. Ha fatto uno stage al National Geographic – una redazione che gli è stata molto utile per ideare questo libro – ha deciso di realizzare una mostra con il suo progetto Carry me Ohio dedicato alla crisi economica e sociale di quello stato americano.

Crescente disoccupazione, case fatiscenti, droga e abbandono scolastico fanno dell’Ohio uno degli stati americani che peggio stanno vivendo questa lunga crisi economica. Il tasso di povertà raggiunge il 27.4% e il reddito medio pro capite solo 14mila dollari all’anno.

Copyright: Matt Eich

Lo scopo di Eich era quello di mostrare, con lo stile del reportage, gli effetti di un capitalismo avido, fatto di grandi corporation spietate e di un’America sconosciuta ai più.

Matt Eich

Copyright: Matt Eich

“Volevo auto-produrre un catalogo per la mostra che stavo progettando con le mie fotografie. Così ho chiesto una mano a Mike Davis, ex editor del National Geographic, e a sua moglie Deborah Pang, ottima designer. Da loro ho avuto parecchi suggerimenti sull’impaginazione e sull’editing del libro. Devo dire che lavorare con loro è stata un esperienza incredibile e utilissima”.

Copyright: Matt Eich

Copyright: Matt Eich

Eich ha speso circa 4.000 euro per stampare ed editare un centinaio di copie del libro, per un valore di 40 euro a copia, e l’ha messo in vendita a 71 euro su Blurb. Solo nel primo giorno aveva già venduto 75 copie.

Adesso Matt sta lavorando a un altro progetto. Questa volta cerca un editore tradizionale, sfruttando l’esperienza acquisita. Ma resta ben consapevole di avere sempre l’alternativa dell’autopubblicazione.

“Non ho l’illusione di sentirmi dire da un editore: “Ehi, vieni con noi, ti pubblichiamo senza problemi il tuo progetto strano”. Molti ti chiedono soldi per farlo, mentre io voglio mantenermi libero di fare le cose che voglio, nel modo che preferisco, è questo il bello del self-publishing!”

Parole chiave: #, #, #, #

Rubrica: Fotografia & Self-Publishing, Top post

  • Scritto da:

  • Paolo Granata
  • Nel mondo della fotografia dai tempi in cui si diceva "il colore è cheap, il B&N quello si che è arte". Appassionato di musica jazz, boxe e osterie popolari. Consulente per MondadoriPortfolio dal 2012, dopo aver lavorato in varie agenzie fotografiche in Italia e all’estero. La fotografia per me è un universo infinito d’incredibili sorprese.


Commenta su Facebook

commenti

Email
Print