Lo storytelling e l’importanza di esprimersi

Lo storytelling e l’importanza di esprimersi Illustrazione: Milena Cavallo

Sono stata a documentarmi un po’ alla Social Media Week, la scorsa settimana.
C’era anche la Coca Cola Company, con un incontro sullo storytelling. Ovviamente hanno fatto vedere alcuni dei loro fantastici filmati, che gli ho sempre invidiato quando facevo la copy, e che un po’ continuo ad invidiargli anche ora che a nessuno verrebbe in mente di chiedermi la sceneggiatura di uno spot.

Ma mi ha colpito una cosa. Così en passant, verso la fine dell’incontro, l’ineffabile Claudia Navarro (Marketing and Communication Director della Coca Cola Sud Europa e nessuna prosopopea) dice

ma in fondo a noi della Coca Cola non interessano le impression (il numero di volte che un contenuto viene visualizzato su internet, ndr), ci interessa molto di più l’expression, quello che la gente racconta, dice ed esprime attraverso i social media.

Direte voi, si fa presto ad ignorare le impression quando se ne hanno delle tonnellate. Noi self-pubblicati siamo in cerca di un’audience assai più modesta.

Ma quello che era cruciale secondo me era il riconoscimento dell’importanza dell’esprimersi. Non lo dico perché siamo su Scrivo.me e Scrivo.me si basa su questo. E so anche che magari, a voi aspiranti scrittori o scrittori scriventi ma in cerca di pubblico, che quindi si sono già espressi, questa storia delle expression vi sembra solo altra concorrenza e altra attenzione tolta alla lettura. Ma non è detto che sia così. Alla fine, l’expression è un passo dopo il condividere (che non potete negare in rete va alla grande).

Allora cominciate a condividere, e far condividere, il messaggio del vostro libro. Non siate gelosi, non pretendete che tutti lo leggano. Prendete un pezzo che vi piace, o quello che vorreste evocare, suggerire. Trasformatelo in un’immagine, una canzone, un tweet, un videino da 6 secondi. Lanciatelo sui social media, anche quell’WhatsApp che tutti ora temono verrà snaturato dal nuovo padrone, il cattivissimo Facebook. E raccogliete expression invece che impression!

Good night e good luck!

Parole chiave: #, #, #

Rubrica: In poche parole, Top post

  • Scritto da:

  • Anna Da Re
  • Sociologa, copywriter, blogger, twittatrice, milanese e toscana. Per i libri ho una passione ormai cronica; li leggo, ne scrivo, ci lavoro, ci campo (per ora) e non penso di smettere.


Commenta su Facebook

commenti

Email
Print