Realizzare un ebook avanzato con iBooks Author

Realizzare un ebook avanzato con iBooks Author Illustrazione: Studio Armad'illo / Cecilia Azzali

A più di tre anni dalla comparsa dei libri digitali in Italia, abbiamo preso dimestichezza con i concetti di eBook, device, self-publishing o almeno ne abbiamo accettato l’esistenza e con essa, l’idea che stiamo (tutti!) costruendo la storia dell’editoria digitale.

Molti hanno provato a farne esperienza in prima persona, perdendosi inevitabilmente nella maglia intricata di formati, di tablet, e di “chi supporta cosa”. La complessità di questo sistema è ormai cosa certa.

La buona notizia per chi ha voglia di percorrere la strada dell’autoproduzione di un ebook, è che si può scegliere e da ora mi rivolgerò a chi si sentirà affine a questi due criteri:

  • non conosco bene e non so gestire righe di codice HTML e CSS;
  • vorrei realizzare un ebook avanzato, in cui inserire qualcosa in più oltre al testo.

Incrociando queste due variabili scopriamo che la soluzione migliore è affidarsi ad un’applicazione che Apple mette a disposizione gratuitamente, iBooks Author, grazie alla quale sarai in grado di progettare e comporre libri digitali, ricchi di svariati contenuti. Sembra troppo bello per essere vero.

Ma attenzione: se possiedi solo un pc sei spacciato (iBooks Author non può essere installato sui computer che usano Windows). Se invece possiedi un Mac e hai ancora gli occhi luccicanti per l’entusiasmo, è bene prendere subito in considerazione le condizioni che accettiamo scegliendo questo percorso:

  • avrai a disposizione un solo luogo dove vendere il tuo ebook, cioè iBooks Store: infatti esporterai un file di formato .ibooks, che non è né .epub, né .mobi)
  • avrai un’unica tipologia di device che supporterà il tuo libro, cioè i device Apple: ovviamente iPad nuovi, iPad Mini e iPad più vecchi a patto che abbiano installata almeno la versione 3 di iBooks.

Se a questo punto sei ancora dell’idea che sia una figata pazzesca, è il momento di sbizzarrirsi e creare meravigliosi libri.

Vediamo brevemente cosa è importante sapere.

iBooks Author facilita l’approccio iniziale grazie vari template pensati a seconda dell’argomento trattato, che puoi usare così come sono oppure sconvolgere completamente; fin da subito ci permette anche di scegliere l’orientamento del layout (solo orizzontale, solo verticale o entrambi):

L’ebook è organizzato in capitoli, sezioni e pagine semplici. Questo ci consentirà sia di avere un libro ben strutturato, sia di avere l’indice dei contenuti che si autogenera mentre inseriamo materiale.

La semplicità di questo strumento è notevole: possiamo aggiungere (quasi) qualunque elemento con un semplice drag and drop, che sia video, audio, gallerie fotografiche, mappe interattive, (e molto altro sfruttando i Widget precostituiti), possiamo gestire tabelle, grafici, finestre pop-up e importare testo da Word o Pages.

ebook-1

Possiamo tenere sotto controllo gli stili di paragrafo e di carattere (senza vedere mai CSS!) e gestire dei modelli di layout in modo simile alle Pagine Mastro di inDesign.

Il fatto che questo strumento sia stato concepito principalmente per l’ambito Education, spiega l’ampia gamma di verifiche che possiamo includere (tra cui le domande a scelta multipla e i test con riconoscimento di immagini) e la possibilità di costruire un glossario interattivo. Se però non intendi usare queste funzioni, non ti preoccupare: semplicemente le ignorerai.

L’interfaccia è molto intuitiva, comunque il supporto (c’è un menù a tendina dedicato, denominato Aiuto) ti darà una mano quando non troverai il modo di ancorare un’immagine al testo e soprattutto quando il capolavoro sarà concluso e sarai pronto a pubblicare (ma questo avverrà non prima di aver eseguito circa 72 anteprime sull’iPad!)

Non dico che non imprecherai, ogni tanto, ma la potenzialità di questo strumento è davvero alta. Secondo me vale la pena provare.

Parole chiave:

Rubrica: App, app!, Top post

  • Scritto da:

  • Diana Caputo
  • Diana Caputo ama la Bellezza in tutte le sue forme e sostanze. È innamorata di navi e transatlantici, dell’universo e delle costellazioni, di comunicazione grafica, scritta e parlata (in dizione corretta per favore!). A conti fatti però, sembrerà assurdo, predilige il linguaggio non verbale. Se vi è venuto il dubbio che non esista, potete ricredervi guardando i suoi lavori qui.


Commenta su Facebook

commenti

2 Commenti

  1. Il programma è davvero ricco e interessante, ma preclude la pubblicazione su altri store oltre a quello di Apple. Il formato di iBook non è proprietario?

    Mi piace(0)Non mi piace(0)
  2. Pecato non si possa usare con versioni precedenti, tipo os 10.6.8……

    Mi piace(0)Non mi piace(0)
Email
Print