James Wood – Come funzionano i romanzi

James Wood – Come funzionano i romanzi

A chi di tanto in tanto si sia trovato a sfogliare le pagine della rivista americana “The New Yorker”, il nome di James Wood probabilmente suonerà familiare. Di fatto, è il critico letterario di punta della rivista e, in quanto tale, un acuto e profondo conoscitore della materia narrativa e dei suoi meccanismi.

Ora, se è vero che per imparare a scrivere bene è necessario leggere tanto, è altresì importante imparare a leggere con estrema attenzione e senso critico. Questo è esattamente ciò che Wood insegna a fare in Come funzionano i romanzi. Breve storia delle tecniche narrative per lettori e scrittori, una carrellata tra le architetture romanzesche da Omero a Le Carrè. Il lettore può in tal modo vedere al di là del testo, nell’officina dello scrittore, e l’esordiente può invece familiarizzare con le tecniche dei grandi autori che l’hanno preceduto.

La cosa bella è che l’autore abbandona ogni spocchia e vezzo autoreferenziale come, ammettiamolo pure, verrebbe da aspettarsi da chi fa il critico letterario di professione. Al contrario, James Wood sostiene che

Pensando al comune lettore, ho cercato di ridurre ciò che Joyce chiama «autentico fetore scolastico» a livelli sopportabili.

Infatti, sebbene Wood citi mostri sacri come Šklovskij e Barthes, venerate eminenze grigie dell’analisi letteraria, il suo è un approccio del tutto diverso, più chiaro e immediato. Si tratta di un “viaggio” estremamente piacevole e affascinante in argomenti solitamente ritenuti ostici – quando non addirittura indigesti – come lo stile indiretto libero, la percezione del dettaglio o la tanto temuta definizione di realtà, diventano invece accessibili e di facile comprensione.

Insomma, in questo libro la critica letteraria si fa godibilissima e si rende davvero utile per chiunque intenda cimentarsi con la scrittura (di un romanzo, ma anche di un saggio letterario, perché no?) o, semplicemente, per chi voglia approfondire e maggiormente apprezzare le proprie esperienze di lettura.

Parole chiave: #, #, #, #, #, #, #, #

Rubrica: Lo scaffale del self-publisher

Commenta su Facebook

commenti

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Angelo Marchese - L'officina del racconto - Scrivo.me - […] po’ come avevamo già detto parlando di James Wood, resta ancora importante approfondire argomenti apparentemente difficili perché per imparare ...
  2. Corrado Augias - Leggere - Scrivo.me - [...] non è poco, considerato quanto abbiamo insistito sull’importanza di leggere tanto e bene: qui e qui); la lettura si lega anche ...
Email
Print