La British Library mette in pubblico dominio un milione di immagini

La British Library mette in pubblico dominio un milione di immagini Fonte: flickr.com/photos/britishlibrary/

Qualche giorno fa Silvia Piombo vi ha spiegato come pubblicare la foto di un’opera d’arte in un libro o in un ebook e nelle stesse ore ha cominciato a circolare la notizia che la British Library – la più grande biblioteca del Regno Unito – ha messo in pubblico dominio più di un milione di immagini tratte dai propri libri, consentendo a chiunque di prenderle e utilizzarle. Sul loro blog si legge che le immagini provengono da volumi del diciassettesimo, diciottesimo e diciannovesimo secolo e sono state scandite (ndr: che è il modo corretto di dire il più diffuso “scannerizzate”) dalla Microsoft, che le ha poi donate alla biblioteca stessa.

Le immagini sono disponibili su Flickr, il popolare social network dedicato alla fotografia, e il fatto che siano in pubblico dominio, nel caso non fosse ancora chiaro, significa che ci si può fare tutto ciò che si vuole: scaricarle, usarle, trasformarle e così via. Il tutto, gratis. Si tratta di immagini svariate: mappe, illustrazioni, vignette satiriche, miniature tipografiche, paesaggi, ritratti e molto altro ancora.

Anzi, il problema dei bibliotecari di Sua Maestà è che non sanno come organizzarle, ammettendo apertamente di essere alla ricerca di nuovi modi per consentire la ricerca, l’identificazione e la visualizzazione delle stesse. All’inizio del nuovo anno verrà lanciata un’applicazione (sempre in open source) per consentire agli utenti di classificare le immagini in base al contenuto; e, possibilmente, queste descrizioni serviranno ad “allenare” i software che faranno lo stesso lavoro sulla mole complessiva di foto.

Un’esperimento di crowdsourcing in piena regola, insomma. E, per chi volesse, una miniera di immagini gratuite e libere per la cover del proprio libro. Avete scritto un romanzo rosa? Questa, per esempio, potrebbe essere una bella copertina.

Parole chiave: #, #, #

Rubrica: L'Edicola

Commenta su Facebook

commenti

Email
Print