Cos’è Pinterest e come usarlo per valorizzare il tuo romanzo

Cos’è Pinterest e come usarlo per valorizzare il tuo romanzo

Lo so, ogni giorno nasce un nuovo social network e ogni giorno ti chiedi se quel nuovo social network fa al caso tuo. Forse sì. E allora apri un account e cominci ad usarlo. Ma ogni social network richiede un impegno importante, impegno portato via alla tua scrittura. Pinterest è uno di questi. Credo però che Pinterest valga la pena provarlo: è facile da usare e non richiede necessariamente la produzione di nuovo contenuto.

Qui provo a darti qualche idea su come usare Pinterest per la tua attività di scrittore.

 

Cos’è Pinterest

Immagina Pinterest come una bacheca nel tuo studio su cui incolli immagini, grafici, cartoline di viaggio e biglietti di auguri (immagini che in Pinterest si chiamano “pin”). Il tutto su una piattaforma online dove puoi organizzare le tue immagini in diverse “board”, ognuna con un tema specifico. Aggiungi a questo il solito gioco social: gli altri utenti possono seguirti, condividere i tuoi “pin” e tu puoi seguire loro.

Come scriveva Angelo Ricci in un guest post su Scrittore Computazionale: “Pinterest è molto simile a una installazione artistica che ha molto della pop art e che quindi dà origine a una sorta di work in progress ragionato che ha come oggetto i nostri interessi, la nostra immagine e, perché no, anche il nostro personalissimo storytelling”.

Aspetto da non sottovalutare, Pinterest è il sito di condivisione contenuti che cresce di più, più di Twitter e Facebook, come mostra questa infografica.

 

6 Idee su come usare Pinterest:

Pianifica il tuo libro: se stai scrivendo un libro, perché non condividerne con noi il processo? Crea una board con il working title del romanzo e condividi immagini che ci raccontano i tuoi personaggi, le location delle scene, la città in cui la storia è ambientata. Ci ho provato anche io qui

Espandi il tuo romanzo: condividi immagini che supportano ed espandono la narrazione. Fatti di cronaca, storie che ti hanno ispirato, personaggi che sono realmente esistiti. Un esempio illustre è la board di Wu Ming 2 su Timira.

Appunti per il tuo romanzo: suppongo che durante la stesura del tuo romanzo, hai accumulato tante informazioni e appunti che ti aiutano nel processo di scrittura. Perché non condividerli con i tuoi lettori, postando immagini su Pinterest?

Promuovi i tuoi libri: condividi le immagini delle copertine dei tuoi libri e rendi “pinnabile(oh che parola terribile!) le stesse immagini sul tuo blog o sul tuo sito personale. Un’altra possibilità, che sto esplorando con il mio Zagreb, è di “raccontare” il romanzo per immagini, ognuna accompagnata da una citazione.

Elenca i tuoi modelli: potresti condividere citazioni di scrittori famosi o articoli, blog o libri che hanno ispirato il tuo stile di scrittura.

Cosa stai leggendo: “se vuoi diventare uno scrittore, devi fare due cose soprattutto: leggere molto e scrivere molto”, dice Stephen King. Condividi allora le copertine dei libri che stai leggendo, magari aggiungendo una brevissima recensione. Qui un esempio: la board Love At First Read di Julia Ferro

Pinterest funziona davvero?

Condivido l’opinione del Sig. Bot che su Scrittore Computazionale ha rilasciato una breve intervista su come l’Einaudi usa Pinterest: “Continuo a usarlo principalmente linkando le cose che voglio far vedere da Twitter. Vedremo tra un qualche tempo se il mezzo vivrà con le sue gambe o meno, ma per ora la sussidiarietà con social network più popolosi come Twitter e Facebook mi sembra fondamentale”.

Se ti stai chiedendo “Devo usare Pinterest?”, la risposta è, come sempre: no, non devi necessariamente. Credo, però, che valga la pena sperimentare con Pinterest: uno strumento semplice da usare, versatile, che richiede relativamente meno tempo rispetto ad altri social network e aggiunge un pizzico di originalità alla tua presenza online.

Photo Credit

Usi anche tu Pinterest? Qual è la tua strategia? Lo trovi utile per valorizzare il tuo romanzo? Condividi con noi la tua opinione nei commenti.

 

Parole chiave: #, #, #, #, #, #

Rubrica: Blog-a-book, L'Officina

  • Scritto da:

  • Arturo Robertazzi vive a Berlino, dove lavora come chimico computazionale alla Freie Universität. Oltre ad aver scritto saggi e articoli scientifici, è co-autore de La Lettura Digitale e il Web , in cui ha contribuito con uno dei primi studi realizzati in Italia sull'uso di Twitter da parte delle case editrici. Zagreb, il suo romanzo d'esordio pubblicato da Aìsara nel 2011, è disponibile da settembre 2013 in una seconda edizione esclusivamente digitale. Da ottobre 2013, la traduzione tedesca di Zagreb è in vendita in Germania. In Canada ha pubblicato The Infernal RNA Structures (settembre 2013), una riscrittura visuale dell'Inferno di Dante in strutture 2D di RNA. Tutte le RNArrative Structures sono raccolte nella pagina Tumblr #Biotext. Su Scrittore Computazionale scrive di chimica e scrittura, arti e scienza.


Commenta su Facebook

commenti

1 Comment

  1. Gentile Arturo,

    non sono molto social-digitale e non avevo mai usato Pinterest, leggendo questo bell’articolo ho fatto mia l’idea di raccontare il romanzo che ho scritto (autopubblicato in ebook) per immagini, e questo è il risultato:

    http://www.pinterest.com/ernbeagle/un-tipo-molto-calmo-e-la-sua-ragazza-un-po-nervosa/

    L’ho poi linkato in alcuni forum e il risultato è stato per ora discreto (si tratta di una cosa che ha una settimana di vita o poco più). Ora sto pensando a come sfruttare ulteriormente il racconto per immagini – a parte i classici facebook e twitter su cui al momento non sono presente, in quanto non ci passerei molto tempo e non valorizzerei appieno la mia presenza, rendendo così la cosa probabilmente controproducente – perché penso che possa essere una novità interessante per chi cerca informazioni su un libro e si è un po’ stancato di leggere recensioni che, almeno per quanto riguarda gli scrittori esordienti e self-published, non si capisce quanto siano vere.

    Un saluto e a presto

    Ernesto

    Mi piace(0)Non mi piace(0)
Email
Print