DRM, EPUB, ISBN: che cosa vogliono dire queste parole?

DRM, EPUB, ISBN: che cosa vogliono dire queste parole? Illustrazione di Paola Rollo

Quando si parla di editoria digitale, neofiti e non addetti ai lavori spesso faticano a capire certe parole. Ma anche chi nell’editoria ci lavora a tempo piano, talvolta, non ricorda o non conosce il significato di alcuni termini tecnici importanti. Fra i più indecifrabili si annidano gli acronimi, i più cattivi di tutti: EPUB, ASIN, DRM, ISBN… cosa diavolo vogliono dire queste parole? E da dove vengono?  A sgombrare il campo da dubbi ci prova un articolo di Publisher Weekly, autorevolissima rivista americana per librai, scrittori e editori in lingua inglese. Ecco qualche spiegazione che può tornare utile anche a noialtri italiani.

 

DRM (“digital right management”, gestione dei diritti digitali) – Il DRM è una tecnologia utilizzata per limitare la pirateria o le violazioni di copyright su prodotti editoriali digitali come gli ebook. Tale tecnologia controlla a) il numero di volte che un ebook può essere scaricato per un singolo acquisto, b) il numero di apparecchi elettronici diversi che possono leggere quell’ebook e c) la possibilità di modificare o duplicare un ebook. Insomma il DRM impedisce ai lettori di commettere certe operazioni sul file dell’ebook – operazioni che si ritiene possano ledere il diritto d’autore.

 

EPUB (“electronic publication”, pubblicazione elettronica) - Un assai diffuso formato di ebook. Gli ebook epub si adattano al dispositivo elettronico che visualizza il testo e rimodella il testo secondo le esigenze di chi legge. Il lettore quindi può cambiare la dimensione del carattere, l’interlinea, eccetera. I file di questi ebook hanno come estensione “. Epub” (esempio: titolodelibro.epub).

 

ISBN (“international standard book number”) – Il numero ISBN è quello del codice a barre assegnato a ciascun libro o ebook che esce nel mondo. Ebbene sì, ogni libro deve avere il suo ISBN, univoco e duraturo. L’ISBN è come il codice fiscale. Si tratta di un numero di 13 cifre (10 per i libri editi prima del 2007). Il numero viene assegnato dall’agenzia ISBN del paese in cui il libro è pubblicato.  Prendete un libro qualsiasi fra quelli che avete in casa: state certi che avrà il suo numero ISBN stampato sulla quarta di copertina o da qualche altra parte.

 

ONIX (“online information exchange”) – E’ il codice standard internazionale per l’acquisizione e la trasmissione di informazioni bibliografiche – l’autore, la casa editrice, il numero delle pagine, la descrizione del libro, ecc. Queste informazioni sono contenute nell’ONIX. I rivenditori, i distributori, i grossisti e gli editori usano l’ONIX per comunicare fra loro i dati di ogni libro.

 

Non vi basta? Altri acronimi – apparentemente spaventosi ma tutto sommato innocui, una volta riconosciuti – vi aspettano sul post di Publisher Weekly: ASIN, FTP; HTML5, PDF…

 

 

Parole chiave: #, #, #, #

Rubrica: L'Edicola

Commenta su Facebook

commenti

Email
Print